Modalità del servizio nel mese di Agosto

Nel mese di Agosto Sportello Donne Pomezia non effettuerà ricevimento in sede.

Saremo raggiungibili attraverso il servizio di supporto telefonico chiamando il

388 1586901

il MERCOLEDI’ dalle 9:00 alle 11:oo 

e

il GIOVEDI’ dalle 15:30 alle 17:30

oppure sarete ricontattate compilando la nostra contact form cliccando qui

La data di riapertura del ricevimento sarà comunicata i primi giorni di Settembre.

banner ESTATE

La bestia nel cuore. Domenica 23 novembre ad Albano

manifesto la bestia nel cuore ok  jpg-1In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il Coordinamento Donne per il Cambiamento, l’Associazione culturale “8 marzo”, “Se non ora quando” Albano-Castelli Romani e ANDOS, presentano il film

“La bestia nel cuore” di Cristina Comencini

DOMENICA 23 NOVEMBRE alle ore 16.30
presso il teatro ALBA RADIANS di Albano

Saranno presenti i Sindaci di Albano Laziale e Castel Gandolfo, i rappresentanti delle forze dell’ordine, i responsabili delle strutture sanitarie dell’Asl RM-H, i rappresentanti della Regione Lazio e della Provincia di Roma per discutere sull’attuazione della Legge regionale 119/2013 “Norme per la tutela delle donne violentate”.

IN MEMORIA DI MARY. POMEZIA DICE “BASTA AL FEMMINICIDIO”

in memoria di maryIl 18 agosto 2014 a Monasterace in Calabria, Mary Cirillo, una donna di 33 anni, madre di quattro figli, è stata ammazzata dal marito. Il 9 novembre 2014, a Pomezia, un gruppo di donne, in collaborazione con Sportello Donne Pomezia, ha organizzato una serata per non dimenticare Mery, per raccogliere fondi da destinare al sostegno dei suoi quattro bambini, ma soprattutto per dire “Basta al femminicidio”.

Una serata molto partecipata: tante le donne che hanno accolto l’invito di Graziella Squillace, promotrice dell’evento, e che hanno partecipato portando il loro contributo e la loro esperienza: insegnanti, studentesse, sociologhe, psicologhe, attrici hanno fatto sentire la loro voce contro la violenza di genere, non solo per dare un senso alla morte di Mary, ma per denunciare una violenza che si radica nella nostra società, in una cultura maschile e patriarcale che uccide una donna ogni tre giorni, per denunciare il silenzio e l’omertà di chi sa e non fa niente, per chiedere alle istituzioni di intervenire in maniera strutturale e non solo attraverso le leggi.

All’evento, che si è svolto all’Hotel Antonella, hanno partecipato le professoresse del liceo Pascal di Pomezia Antonella Castaldo, Lorella Mambelli e Anne-Marie Peduto, la sociologa e operatrice di Sportello Donne Pomezia Anna Mirarchi, la psicologa del Comune di Pomezia Katia Matteo, la docente di lingua e letteratura inglese Nada Hamdan dal Kuwait. In apertura è stato proiettato il video/denuncia “Stop Al Femminicidio” di Pasquale Squillace. Durante la serata sono state lette delle poesie dalla professoressa della scuola media Orazio Antonella Venditti. In chiusura l’attrice Federica Barcellona ha messo in scena una performance tratta da “Casa di Bambola” di Ibsen.

Erano presenti Giovanna Cirillo, sorella di Mary, e l’avvocato Marco Rugo, legale della famiglia.